Diventare GUIDA ALPINA: Info Pratiche

L’inverno è alle porte, tempo di affilare le piccozze e sciolinare gli sci, ma non solo, stanno per uscire i bandi di selezione per i prossimi corsi di formazione per Aspirante Guida Alpina, avete già completato il curriculum di riferimento? Di seguito alcuni consigli utili per prepararvi al meglio!

 

Diventare guida alpina è un percorso lungo e faticoso sotto molti aspetti, da quello economico a quello psico-fisico, senza dimenticarsi del fattore tempo (non è da tutti disporre di più di 90 giorni liberi per poter svolgere il corso). Entra in campo la passione, la voglia di mettersi in gioco, di dire: “ C@#%o lo voglio fare ”e buttarcisi a capofitto!

Andiamo a vedere un po’ più nel dettaglio come superare il primo step e partecipare al corso formativo per Aspirante Guida Alpina.

Piccola nota: parlerò del polo di formazione interregionale (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria, Toscana, Emilia Romagna), in quanto Lombardia, Trentino, Alto Adige e Valle d’Aosta se pur con lo stesso stampo lavorano in modo leggermente diverso.

 

CORSI PROPEDEUTICI:

Formazione Alta Montagna
Stefano Ragazzo

Se state pensando ad un futuro da Guida Alpina ma avete ancora dei dubbi, una o più giornate di corso propedeutico potrebbero essere la giusta soluzione per schiarirvi le idee. I collegi regionali mettono a disposizione con cadenza annuale o biennale giornate propedeutiche nelle varie discipline, a mio avviso molto  utili sia per rendersi conto del livello richiesto che per conoscere altri ragazzi che come voi vivono di questa passione.

 

CURRICULUM:

Formazione Roccia
Stefano Ragazzo

Per accedere al corso sarete valutati nel vostro curriculum alpinistico-scialpinistico e nelle quattro discipline fondamentali: roccia, sci, ghiaccio e misto (voto da 1 a 10); per un totale quindi di cinque valutazioni che dovranno essere maggiori o uguali a 6 con la possibilità di giocarvi un jolly (5.5) in uno di questi voti, curriculum compreso.

Il famigerato curriculum! Da quando deciderete di intraprendere questo percorso la compilazione del CV sarà il vostro chiodo fisso fino al giorno in cui spedirete la raccomandata e, come un quattordicenne che aspetta la lettera scolastica per riuscire a deviarla dai propri genitori, così anche voi diventerete esperti degli orari  giornalieri del postino per sapere se potete o no presentarvi alle selezioni.

Avete due possibilità, la prima e quella che vi consiglio è quella di presentarvi con il curriculum di riferimento (voto 6), nulla vi vieta però di giocarvi il jolly e presentarvi con il curriculum di accesso (voto 5.5). Potete trovare tutti i dettagli delle varie salite richieste presso il sito web del collegio regionale dove volete presentare la domanda di ammissione.

Un consiglio: vivetevi sereni questa fase, senza ansia di dover fare per forza quella o quell’altra via per completare  il curriculum. Non vi sto dicendo di non ingaggiarvi, anzi, gli ultimi due anni prima delle selezioni sono stati per me forse i più belli fino ad ora per la diversità di itinerari e compagni con cui ho condiviso giornate in montagna. Giocatevi il curriculum a vostro favore per giustificare alle fidanzate le assenze durante i weekend e non per andare a fare itinerari che in quel momento non vi sentite.

 

SELEZIONI:

Formazione Cascate
Stefano Ragazzo

Se il curriculum sarà valutato positivamente sarete invitati a presentarvi alle prove pratiche di selezione, incontrerete per la prima volta i vostri futuri compagni di corso e comincerete ad assaporare la tensione dell’essere valutati.

In Veneto, solitamente, verso metà febbraio si svolgono le prove della parte invernale ed a maggio quelle  di arrampicata su roccia. Se risulterete idonei in entrambe le prove a gennaio dell’anno successivo potrete iniziare il corso di formazione.

Guardiamo un po’ più nel dettaglio le prove in ambiente, così da farvi un’idea di cosa potrà esservi richiesto.

Prova di sci: viene richiesto il terzo livello delle guide e sarete valutati in varie discese, pista e fuoripista, dovendo dimostrare le diverse tipologie di curva e la capacità d’interpretazione libera del pendio (saper scegliere la curva adatta alla tipologia di neve e terreno che s’incontra). Inoltre, verrà valutata anche la parte scialpinistica con un percorso a tempo di almeno 500 di dislivello ed una prova tecnica di salita su percorso prestabilito (svolta, dietrofront ecc.).

Prova di misto: salire con attrezzatura classica, quindi con ramponi ed una piccozza, un itinerario di misto (roccia, neve e ghiaccio) in cui sarete cronometrati e valutati.

Prova di ghiaccio: cascate di grado 5 (scala canadese) con tecnica di piolet traction, compresa la chiodatura lungo l’itinerario, ed anche qui sarete cronometrati.

Prova di roccia: scalare a vista almeno due itinerari sportivi di grado 6b+ (scala francese) e un itinerario di grado 6a da attrezzare con protezioni veloci. Potrà inoltre esservi richiesto un itinerario di grado fino al 7a per avere una valutazione più che sufficiente.

 

UN PO’ DI DATI:

Formazione Sci Alpinismo
Stefano Ragazzo

Tra formazione ed esami sono circa 95 giorni distribuiti su 21 mesi, al termine degli esami acquisirete la qualifica di aspirante guida alpina che vi permetterà di lavorare autonomamente (escluso l’estero ed alcune limitazione in base al collegio di riferimento). Dopo due anni di aspirantato e superamento degli esami di passaggio potrete aggiudicarvi la tanto sudata patacca e diventare una Guida Alpina UIAGM.

 

Per il ciclo 2017/18 il prezzo del corso interregionale è stato fissato a 16,400.00 euro, in alcune regioni è ancora possibile ricevere finanziamenti, informatevi su condizioni e modalità presso le segreterie dei vari collegi.

 

Avete voglia di un po’ di azione? Concludete guardandovi i VIDEO RIASSUNTIVI girati dal nostro direttore Carlo Gabasio durante gli ultimi moduli di formazione

Magari un giorno questo ufficio potrà essere anche il vostro!!

 

Link utili:

GUIDE ALPINE ITALIANE

COLLEGIO GUIDE ALPINE VENETO

COLLEGIO GUIDE ALPINE PIEMONTE

 

Gli Autori di questo articolo: Stefano & Silvia

Gli autori di questo articolo: Stefano & Silvia
Bernhard Hörtnagl

Silvia Loreggian e Stefano Ragazzo, classe 90 per lei e 91 per lui. Entrambi Padovani e appassionati di montagna: scalata, alpinismo, sci alpinismo e ghiaccio. Insieme hanno condiviso tante salite e avventure. Stefano sta attualmente seguendo il corso per diventare Aspirante Guida Alpina e Silvia seguirà presto le sue orme. Qui sotto, una lista di alcune delle salite che hanno affrontato insieme.

Clicca QUI per leggere blog di Stefano.

Integrale di Peuterey - Monte Bianco (TD+4500m)

Voyage Selon Gulliver - Grand Capucin (7a+)

Via attraverso il pesce - Marmolada (IX)

Tempi Moderni - Marmolada (VII+)

Rondò Veneziano - Torre Venezia (IX-)

Mouline Rouge - Roda di Vael (IX-)

Intifada - Ratikon (7a+)

Fitz Roy - Supercanaleta (80° 5+ 1600m)

Aguja Poincenot - Whillans Cochrane (5+ 70º M5 550m)

Commenti (0)

Accesso o registrati per essere il primo a commentare questo article.