TEST VERTICALE - Arc'teryx Alpha FL

Arc'teryx Alpha FL, dove, guardacaso FL sta per Fast & Light, è uno zaino che molti alpinisiti, sci-alpinisti ed arrampicatori adoreranno per le sue numerose features, prime tra tutte leggerezza e robustezza.

Ma andiamo con ordine: Alpha FL è disponibile in due litraggi, 30L e 45L, colori rosso e nero. E’ completamente waterproof grazie alla tecnologia di Arcteryx AC2 ed una chiusura superiore RollTop (quella usata per le drybag per intenderci), il che lo rende particolarmente performanete in caso di pioggia oppure in caso di arrampicata su ghiaccio. Quindi materiale e indumenti al suo interno sono sempre asciutti, in ogni situazione. E’ molto resistente alle abrasioni, quindi niente paura nel caso vi trovaste incastrati in qualche angusto camino!

Il suo design è minimalista in puro stile Arc'teryx, niente fronzoli, ma solo quello che serve. Il peso per il 30L è di 585 gr, mentre il fratello maggiore da 45L pesa 670 gr.

All’esterno possiamo trovare un sistema di lacci elastici che permette di agganciare contemporaneamente 2 piccozze tecniche ed un paio di ramponi o in alternativa un materassino da bivacco. Sempre sul lato anteriore una zip dà accesso ad una tasca al cui interno troviamo un piccolo gancio per assicurare un paio di chiavi o altri piccoli effetti personali. I due ganci superiori lo rendono perfetto per essere appeso ad una sosta oppure recuperato stile “haul bag”.

Spallacci e schienale sono minimali per mantenere le promesse di leggerezza, ma non lasciamoci intimorire: la comodità e la regolabilità non vengono eccessivamente compromesse.

L’interno è ben progettato per massimizzare la resa del suo volume, niente tasche o scompartimenti. Una chicca che molti di voi apprezzeranno: l’interno è totalmente bianco per individuare più facilmente il materiale al suo interno.

Test: 

Per testare al meglio le principali caratterestiche di questo prodotto, il banco di prova è stata una via alpinistica di 650m alla Punta Cusidore in Sardegna. La Punta Cusidore si trova in pieno Supramonte di Oliena, è una colosso grigio di ottimo calcare da fare invidia ad alcune delle più blasonate pareti delle Alpi: abbiamo scelto una super classica aperta da Marco Bernardi negli ‘80, Incerto Mattino, difficoltà classiche fino al VI+.

La Linea

Usiamo l’Alpha FL sia come zaino da approach che da parete: al suo interno riusciamo farci stare una mezza corda da 60m e tutta la dotazione “personal”: imbrago, moschettoni, fettuccie, martello, chiodi, casco, una bottiglia d’acqua da 1L. Insomma senza risparmiarsi troppo lo zaino non risulta nemmeno del tutto pieno e non siamo obbligati nemmeno a fare uso della “extension”.

Alpha FL - 1

La via che abbiamo percorso è una classica “cavalcata” dove è fondamentale essere veloci e leggeri, soprattutto per evitare il caldo sole sardo di fine Maggio... Quindi la scelta è caduta per materiali molto leggeri, per una performance il più possibile rapida. 

Alpha FL

Si tratta di un prodotto verticalizzato per chi ha bisogno di un qualcosa di super-leggero a discapito di un pò di comfort. Per questo lo sconsiglio a chi cerca uno zaino da approach o da trekking, in tal caso andrei alla ricerca di qualcosa di più strutturato. 

 

L'autore di questo articolo: Simone Greci

L'Autore di questo Articolo: Simone Greci

La sua smisurata passione per la montagna e gli sport "verticali" in generale lo portano da quasi 15 anni a zonzo per le montagne del nord-ovest e non solo. Adora combinare tutto ciò che riguarda roccia, ghiaccio o neve con i viaggi. Da poco è dotato di un inconfondibile VW California verde con il quale spera di allargare i propri orizzonti. E' un grande appassionato di Sardegna, dove si reca almeno una volta all'anno per scalare il suo bellissimo calcare.

Commenti (0)

Accesso o registrati per essere il primo a commentare questo article.